Sostienici

Più di 150 tra sacerdoti e laici firmano una petizione per cambiare i criteri della “morte cerebrale”

,

Più di 150 eminenti ecclesiastici e laici cattolici hanno aggiunto i loro nomi a un documento che sollecita azioni contro gli attuali standard di “morte cerebrale” perché, così come definiti oggi, hanno come conseguenza il prelievo di organi da persone ancora vive.

La dichiarazione, pubblicata il 27 febbraio, è stata scritta dal Dr. Joseph M. Eble, Dr. John Di Camillo e il Professor Peter Colosi.

Eble è il presidente della Gilda di Tulsa della Catholic Medical Association. Di Camillo è un bioeticista che ha lavorato per il National Catholic Center for Bioethics per oltre 12 anni. Colosi insegna filosofia alla Salve Regina University nel Rhode Island.

Alcuni dei più noti studiosi, attivisti pro-life e figure pubbliche della Chiesa cattolica hanno firmato la dichiarazione, tra cui il vescovo Athanasius Schneider, il vescovo emerito Joseph Strickland, suor Dede Byrne, padre Shenan Boquet (Human Life International), Dr. Josef Seifert (ex membro dell’Pontificia Accademia per la Vita), Judy Brown (American Life League), Dr. Peter Kwasniewski e altri.

La dichiarazione spiega che il termine controverso di “morte cerebrale” è stato introdotto per la prima volta nel 1968. LifeSiteNews ha precedentemente riportato come un comitato ad hoc ad Harvard sia stato responsabile del termine, coniato in opposizione alla morte naturale.

Dopo l’Uniform Determination of Death Act (UDDA) del 1981, la maggior parte degli Stati Uniti ha accettato la definizione legale di morte cerebrale come “cessazione irreversibile di tutte le funzioni dell’intero cervello, compreso il tronco encefalico”.

Eble, Di Camillo e Colosi notano che negli ultimi anni c’è stato l’inizio di tentativi di rivedere l’UDDA in modo che le persone che avevano una funzione parziale o “persistente funzione cerebrale” in qualche misura potessero essere considerate legalmente morte.

Medici cattolici e bioeticisti come il Dr. Doyen Nguyen si sono opposti a tale revisione nel luglio 2023 con una lettera pubblica. La resistenza di Nguyen e dei suoi co-autori ha fermato con successo le revisioni dell’UDDA per il momento.

Indipendentemente da ciò, l’American Academy of Neurology (AAN) ha pubblicato linee guida mediche aggiornate per determinare la morte cerebrale nel dicembre 2023 che accettavano le revisioni dell’UDDA. Gli standard dell’AAN sono i criteri più utilizzati negli Stati Uniti per la morte cerebrale.

Eble, Di Camillo e Colosi osservano che gli studi indicano che “fino all’84% dei pazienti dichiarati morti cerebrali utilizzando le linee guida dell’AAN hanno una funzione ipotalamica conservata” e che “il 50% ha una persistente funzione ipotalamica”.
In altre parole, gli attuali standard per la morte cerebrale “non forniscono certezza morale (prudenziale) della morte” e spesso categorizzano le persone che non sono completamente morte cerebrali come legalmente morte.

“Una persona che considera la donazione di organi non ha buoni motivi per aspettarsi che sarà veramente morta al momento del prelievo degli organi vitali,” avvertono gli autori.

La dichiarazione osserva inoltre che “dato che i criteri attuali di morte cerebrale non forniscono certezza morale della morte” e “dato che è moralmente sbagliato rimuovere organi vitali quando ciò ucciderebbe il paziente, è quindi sbagliato rimuovere organi dai pazienti dichiarati morti utilizzando questi criteri inadeguati.”

“Come cattolici, abbiamo l’obbligo di difendere la sacralità della vita umana dalla concezione alla morte naturale. Date le suddette circostanze, anche se rimane il disaccordo su se e come i criteri potrebbero essere migliorati, chiediamo ai nostri compatrioti cattolici di unirsi contro l’utilizzo dei criteri attuali di morte cerebrale, specialmente quando si determina la morte prima del trapianto di organi vitali.”

All’interno della Chiesa ci sono stati punti di disaccordo tra gli studiosi sulla donazione di organi e ci si domanda se la morte cerebrale soddisfi i requisiti per la morte effettiva, cioè quando l’anima lascia il corpo.

Nel 2000, Giovanni Paolo II ha tenuto un discorso al Congresso Internazionale della Società di Trapianto. All’epoca, ha detto che la morte cerebrale potrebbe potenzialmente offrire certezza morale della morte solo se ci fosse una “cessazione completa e irreversibile di tutta l’attività cerebrale.”

Il Dr. Nguyen ha detto che gli scritti di Giovanni Paolo II sull’argomento non hanno preso in considerazione tutta la letteratura disponibile all’epoca e che dovrebbero essere almeno “emendati, o meglio ancora, ritirati.”

Eble, Di Camillo e Colosi cercano di unificare tutti i cattolici di buona volontà, indipendentemente dalle opinioni divergenti su questi argomenti, perché la realtà clinica attuale e le linee guida esistenti sulla morte cerebrale non soddisfano lo standard di “morte cerebrale completa” che alcuni cattolici sostengono possa essere eticamente corretto.

La dichiarazione si conclude offrendo diversi passaggi concreti d’azione per laici e esperti del settore. Tra le altre cose, esorta i pazienti a rifiutare la donazione di organi quando offerta. Li esorta anche a documentare il loro rifiuto della donazione di organi dopo la morte e a portare con sé una carta d’identità che rifiuti la donazione di organi.

Il documento invita inoltre gli operatori sanitari a respingere “le dichiarazioni di morte utilizzando i criteri attuali di morte cerebrale” e ad “opporre la partecipazione al prelievo di organi a seguito delle dichiarazioni di morte utilizzando i criteri attuali di morte cerebrale”.

In modo cruciale, raccomanda anche che i legislatori non puniscano i medici che “rifiutano di utilizzare i criteri di morte cerebrale” e che l’AAN stabilisca uno standard di criteri di “morte cerebrale” intera invece di “morte cerebrale” parziale. Clicca qui per leggere l’intera dichiarazione.

Condividi l’articolo

ULTIMI ARTICOLI

Condividi l’articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *