Sostienici

Chi ti ama…che fa?

Brian Holdsworth

Perdonatemi se sottolineo l’ovvio, ma tutti noi abbiamo il potenziale di migliorare rispetto a ciò che siamo, magari in misure drammatiche, ma anche solo in piccoli passi incrementali. Ad esempio, potremmo essere tutti più istruiti; potremmo dedicare più tempo allo studio e dedicarci a risorse che sviluppino la nostra mente, le nostre abilità e la nostra comprensione. Tuttavia, spesso ci ritroviamo a navigare sui social media o a giocare ai videogiochi. Potremmo essere tutti almeno un po’ più in forma fisica; potremmo dedicare un po’ più di tempo all’esercizio fisico anziché perderlo con opzioni sedentarie come guardare la TV e mangiare cibo spazzatura. Potremmo essere un po’ più generosi; certamente potremmo fare di più per aiutare coloro che sono meno fortunati di noi. E potremmo essere almeno un po’ più pazienti nei momenti in cui dobbiamo affrontare situazioni che vorremmo probabilmente evitare, ma per il bene degli altri o almeno per noi stessi, potremmo imparare a farlo con compostezza e calma, anziché con inquietudine e fastidio.

Questi sono i potenziali che potremmo realizzare nelle nostre vite, e ciò che è altrettanto importante capire è che, in qualsiasi misura apportiamo tali miglioramenti, saremo più felici e appagati per averlo fatto. Perché, potresti chiederti? Riflettiamo su questo. Se fossi più in forma fisica di quanto sei attualmente, potresti godere di più delle esperienze di questa vita. Ti sentiresti meglio facendo le cose di ogni giorno e avresti una migliore percezione di te stesso nel processo. Avresti una maggiore libertà nella vita grazie alle buone opzioni che la tua forma fisica ti permetterebbe. Una versione più istruita di te sarebbe più felice, anche perché avresti la libertà di cogliere tutte le opportunità offerte da conoscenze e competenze. Presumibilmente, avresti maggiori opportunità lavorative, una migliore comprensione delle persone nel mondo intorno a te, conversazioni più ricche e relazioni derivate da tale comprensione.

Una persona coraggiosa, allo stesso modo, sarà più felice di una persona paurosa, proprio perché sarà in grado di esercitare più libertà per avere accesso a più esperienze positive che questa vita ha da offrire. Chiederanno alla ragazza di ballare, voleranno in aereo, nuoteranno nell’oceano, affronteranno i loro avversari invece di ritirarsi per paura. Le persone più disciplinate saranno più felici di una persona meno disciplinata, perché la loro capacità di governare il loro comportamento permetterà loro di gestire meglio le responsabilità e raccoglieranno i frutti del loro lavoro. Senza dimenticare di evitare cose che potrebbero essere attraenti, ma contemporaneamente dannose.

Pensa a uno studente che aspetta l’ultimo minuto per fare un progetto o studiare per un esame, finendo per ottenere risultati peggiori ed esponendosi con ciò a grande stress e ansia. Al contrario, lo studente disciplinato organizza il suo tempo, completa il lavoro in passi gestibili e può godersi il processo, beneficiando anche di un voto migliore alla fine. Più metti in pratica queste buone caratteristiche nella tua vita, più sarai felice. Ecco cosa è davvero importante capire: ci sono persone nella tua vita che potrebbero aiutarti a realizzare questo maggiore potenziale e la felicità più grande che potrebbe aspettarti dall’altro lato.

Queste persone sono i tuoi genitori, mentori e insegnanti. E potresti aspettarti che alcune di queste persone siano motivate da un amore vero per te, aiutandoti in questo modo. Non ti insegnano o ti guidano solo perché sono pagati per farlo, ma perché desiderano sinceramente il meglio per te. Questo perché vogliono che tu realizzi la massima felicità possibile in questa vita diventando la migliore versione di te stesso. Questo è ciò che significa amare qualcuno. Ma c’è un’insidia: ogni processo di attuazione di una maggiore misura di potenziale richiede un piacere ritardato, una soddisfazione ritardata e spesso una certa forma di sforzo o persino sofferenza per essere raggiunto.

Se, ad esempio, voglio diventare più in forma fisicamente, devo sospendere la soddisfazione immediata di fare i miei comodi e mangiare ciò che voglio. Devo, invece, impegnarmi nel duro lavoro, sperimentare la fatica e lo stress fisico dell’esercizio. Devo sacrificare il tempo che potrei altrimenti trascorrere facendo cose più piacevoli. Devo sospendere i piaceri immediati per una felicità a lungo termine, che potrebbe essere realizzata essendo più in forma fisica. Lo stesso vale per l’istruzione. Dobbiamo sacrificare il tempo per fare cose di cui potremmo godere immediatamente per un processo che a volte è difficile, addirittura angosciante, che metterà alla prova i nostri limiti di capacità, disciplina e comprensione.

Potrebbe significare studiare quando preferirei riposare, finire progetti quando preferirei stare con gli amici, frequentare lezioni e lezioni che potrei considerare noiose quando preferirei fare qualcosa di più divertente. Significa sospendere i piaceri immediati per una felicità a lungo termine maggiore. Se qualcuno dice che mi ama, mi dovrò aspettare da lui un riconoscimento che la felicità a lungo termine è un bene maggiore per me e che vale la pena incoraggiarmi nelle esperienze che potrebbero essere difficili, angoscianti e potrebbero persino causare sofferenza, se significa che alla fine sarò più felice.

Ecco perché i genitori mandano i loro figli a scuola e a volte li costringono a farlo quando non vogliono, forse soprattutto quando non vogliono. Questo è ciò che significa amare qualcuno, volere il suo bene, riconoscendo che c’è un bene maggiore che hanno trovato nella loro vita e ora vogliono aiutare qualcun altro a realizzarlo. Ma chiunque venga e sussurri, ‘Non è necessario fare tutto questo. Fermati con tutto questo esercizio, smetti di studiare, smetti di spingerti ai limiti. Guarda quanto è difficile per te. Non dovresti dover subire questo tipo di sforzo per essere felice. Puoi essere felice proprio ora rimanendo come sei. Goditi il cibo spazzatura, i videogiochi, il pomeriggio libero invece di andare a quella noiosa lezione, goditi il sonno invece di andare in palestra. Sii felice così come sei.’

Quale di queste voci suona come la voce dell’amore? Per me, la prima ogni singola volta. La voce dell’insegnante che ti dice di andare avanti nonostante lo sforzo perché c’è qualcosa di più grande dall’altra parte, quella è la voce dell’amore. La seconda voce è la voce della tentazione, e tutte le tentazioni funzionano così. Tutte le tentazioni sono il suggerimento che dovresti cercare soddisfazione immediata piuttosto che sopportare un nobile processo di avversità per realizzare una felicità e soddisfazione potenziale più grandi che perdureranno a lungo termine.

E per coloro che credono che Dio sia amore, dobbiamo essere in grado di riconoscere la sua voce nella prima, nella voce del mentore, del genitore e dell’insegnante disposto a sottoporre coloro che sono sotto la loro cura a un processo formativo per diventare migliori e più felici, anche se ciò significa una certa tensione iniziale, una sfida immediata e avversità. Se Dio ama tutti, e credo fermamente che lo faccia, allora inviterà tutti a realizzare il loro massimo potenziale, non stagnando semplicemente in ciò che sono già, anche se diventare il loro massimo potenziale richiederà avversità e spesso sofferenza.

Questo è il messaggio di Gesù, che disse: ‘Rinnega te stesso e prendi la tua croce, afferra uno strumento di antica tortura barbarica ed abbraccialo e, facendolo, realizzerai una felicità più grande a lungo termine’. Egli afferma che coloro che sacrificano le loro vite ora erediteranno una vita più grande nell’eternità. Questo è il messaggio di un Dio d’amore, ciò che significa amare qualcuno, ma capendo che come un medico divino, ciò significherà qualcosa simile a un piano di trattamento per raggiungere quel massimo potenziale, diventare santi, che richiederà una sorta di chirurgia spirituale a volte che, ammettiamolo, sarà spiacevole. Tuttavia, sempre di più vediamo movimenti nella chiesa che vogliono dire: ‘Vieni così come sei, resta così come sei. Tutti sono i benvenuti così come sono, senza un sottolineare al contempo che se vuoi le promesse di vita eterna di Dio, se vuoi che le promesse di Dio si realizzino nella tua vita, dovrai intraprendere questo processo di crescita e purificazione. Dovrai rispondere in qualche modo, prima di tutto pentendoti. Dovrai riconoscere i tuoi difetti e rinunciarvi per iniziare il processo di guarigione da essi. Devi abbracciare un processo di santificazione. Questo è ciò che significa essere un discepolo di Gesù.

Sostenere o dare la benedizione a qualcuno così com’è nel nome dell’inclusività non è inclusivo, e non è amorevole. Quindi chiunque voglia dire che questo è il tratto distintivo del Dio che è amore, sta mentendo. Una chiesa che dà priorità all’inclusività incondizionata ha più in comune con l’inferno che con il regno di Dio perché tutti sono i benvenuti così come tutti lo sono all’inferno. L’inferno non si aspetta che tu cambi, che tu diventi migliore come prerequisito per l’ammissione. Anzi, non vuole che tu cambi. Vuole che ristagni e che tu ti perda la massima felicità e scopo della tua vita (per non parlare del fatto che probabilmente lo scopo della vita non è dove ci troviamo ora, ma alla fine di un cammino di santificazione). Possiamo tutti migliorare, ricorda. L’inferno vuole che tu salti tutto questo e sarà felice di accoglierti così come sei.

L’ammissione nel regno di Dio, al contrario, è condizionata. Tutti sono invitati, ma non tutti rispondono a quell’invito. Accettare l’invito è una delle condizioni. Gesù usa la parabola del banchetto per spiegarci questo concetto. Dice che il re organizza un banchetto di nozze per suo figlio e invita tutti. Invita una certa categoria di persone a partecipare, ma non vengono. Quindi manda inviti a tutti, e loro rispondono a quell’invito venendo. Poi le porte si chiudono per il banchetto e vengono serrate, e l’invito in quel momento è scaduto. L’opportunità di partecipare è scaduta. Ma qualcuno cerca di introdursi dopo il fatto e non indossa gli abiti nuziali appropriati. In altre parole, non si sono presentati preparati. E quella persona viene successivamente cacciata fuori, perché essere un discepolo di Gesù, essere un membro della sua chiesa, e alla fine essere un santo in cielo è condizionato. È condizionato dalla nostra risposta favorevole a quell’invito e dalla volontà di conformarci al suo standard. In altre parole, dovremmo “metterci l’abito da sposa”. Ancora nelle Scritture, Gesù dice spesso frasi come ‘A meno che tu non faccia X, non erediterai la vita eterna’. In altre parole, c’è una logica condizionale a quella felicità eterna. La nostra inclusione nel suo regno è condizionata da quei prerequisiti. E con questo, tutti sono universalmente invitati, ma non tutti accetteranno quell’invito.

Se la chiesa cercasse di aggirare quelle condizioni e far entrare la gente rifiutandosi di dir loro che quelle sono le condizioni, sarebbe una bugiarda. Sarebbe come uno che dà voce al regno dell’inferno piuttosto che al regno dei cieli.

Potremmo quindi aggiungere all’articolo dell’autore che la Chiesa, se vuole amare veramente, deve essere accogliente ovviamente nel senso che deve essere aperta a tutti, ma deve guidare tutti noi in un percorso di santificazione e di miglioramento, indicandoci ciò a cui dobbiamo rinunciare per meritare il regno dei Cieli e godere del Paradiso già qua in terra.

Condividi l’articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *