Sostienici

Dove sarai quando la porta si chiuderà?

L’articolo è tratto e tradotto da un video di Ralph Martin, di seguito il link per l’originale: “youtube.com/watch?v=lAjRrCOs_Q8&t=604s”

Ci sono alcuni passaggi delle Scritture molto familiari che siamo così abituati a sentire che a volte non cogliamo veramente le forti sfide che Gesù sta proponendo, che richiedono davvero una risposta o ci chiamano urgentemente a rispondere. Uno di questi passaggi delle Scritture è la storia delle dieci vergini, cinque sagge e cinque stolte. Diamo un’occhiata. Questo è tratto da Matteo 25:1-13.

Gesù raccontò ai suoi discepoli questa parabola: il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte, non fecero ciò che dovevano fare per essere veramente pronte ad incontrare lo sposo quando tornò, e cinque erano sagge. Le stolte, prendendo le loro lampade, non portarono olio con sé, ma le sagge portarono fiasche d’olio con le loro lampade. Poiché lo sposo tardava a venire, tutte diventarono assonnate e si addormentarono.

Ci sono molti avvertimenti nelle Scritture, non addormentatevi, rimanete svegli, siate all’erta, vegliate. A mezzanotte ci fu un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro”. Allora tutte quelle vergini si svegliarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: ‘Dateci del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono’. Ma le sagge risposero: ‘No, che non ci sia mai abbastanza per noi e per voi; andate piuttosto dai mercanti e compratevene’. Mentre esse andavano a comprarlo, arrivò lo sposo; e quelle che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa.

Ora, la maggior parte dei commentatori delle Scritture fin dai primi giorni della Chiesa ha detto che questo testo parla del fatto che non puoi basarti sulla relazione che qualcun altro ha con il Signore. Non puoi prendere in prestito la relazione che qualcun altro ha con il Signore. Devi avere la tua relazione con il Signore. Alcuni commentatori delle Scritture parlano dell’olio come dell’olio dello Spirito Santo. Devi avere la tua relazione con il Signore. Devi essere pieno dello Spirito. Devi essere vivo. Devi essere sveglio. Devi essere pronto a rispondere quando il Signore viene e quando la porta si chiude.

Quindi, la porta fu chiusa. Quello che è successo è che le cinque vergini sagge erano dentro quando la porta fu chiusa, e le cinque vergini stolte erano fuori. Erano chiuse fuori quando la porta fu chiusa. Allora dissero: ‘Signore, Signore, aprici’. Penso a quel passo in Matteo capitolo 7 dove Gesù dice: ‘Non tutti quelli che dicono: Signore, Signore, entreranno nel regno dei cieli’. Ecco un altro esempio: ‘Signore, Signore, aprici’. Ma egli rispose: ‘In verità vi dico, non vi conosco. Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora’.

Ogni volta che Gesù dice: ‘Nessuno conosce il giorno né l’ora’, dice: ‘Tuttavia, state all’erta, siate svegli’. Questo è piuttosto scioccante. Voglio dire, è piuttosto terribile essere chiusi fuori dal regno di Dio, vero? Ed è questo che è successo alle vergini stolte che non avevano la loro relazione con il Signore. Erano chiuse fuori dal regno di Dio. Erano chiuse fuori dalla festa delle nozze.

E che cosa meravigliosa per le vergini sagge. Anche se erano assonnate, si svegliarono immediatamente e furono pronte a rispondere al Signore. Lo stavano aspettando. Erano preparate per lui. Stavano vivendo vite sante. Avevano la loro relazione con lui. Non so, ma spero che la nostra Santa Chiesa si svegli alla Parola di Dio e riconosca che nelle Scritture vengono dette cose forti e radicali. Siamo chiamati al pentimento, alla conversione, perché ci sarà un giudizio finale. La porta si chiuderà per ognuno di noi. Potremmo essere vivi quando il Signore verrà. Io spero davvero di esserlo, ma anche se non lo saremo, incontreremo comunque il Signore. La nostra vita giungerà al termine. La porta della salvezza si chiuderà per noi ad un certo punto. Ci troveremo dentro o fuori. Dio non voglia che ci troviamo fuori quando la porta si chiude.

“Spero che la nostra Santa Chiesa si svegli alla Parola di Dio e riconosca che nelle Scritture vengono dette cose forti e radicali. Siamo chiamati al pentimento, alla conversione, perché ci sarà un giudizio finale. La porta si chiuderà per ognuno di noi.”

C’è un altro passo sulla chiusura della porta. È in Luca, capitolo 13, versetto 22. Gesù stava attraversando città e villaggi, insegnando e dirigendosi verso Gerusalemme, e qualcuno gli disse: ‘Signore, sono pochi quelli che sono salvati?’. E’ una domanda spaventosa. Cosa dirà il Signore? Quanto è possibile essere veramente salvati? Quanto è difficile essere veramente salvati? Cosa dirà il Signore? Ora, poiché il Signore non ha dato numeri o percentuali, tendiamo a non prestare attenzione a ciò che ha effettivamente detto. Ma ha risposto davvero alla domanda, ed è radicale. È scioccante ciò che dice. Disse loro: ‘Sforzatevi di entrare per la porta stretta’. Questo ci ricorda ancora Matteo capitolo 7 sulla via larga che conduce alla perdizione, la porta stretta che conduce alla vita. ‘Sforzatevi di entrare per la porta stretta’, e la parola greca sottostante per ‘sforzatevi’ è quella da cui otteniamo la parola inglese ‘agonizzare’.

Quindi, fondamentalmente, mettete tutto quello che avete e che potete nel seguire il Signore. Mettete tutto quello che avete nel distogliervi dal peccato. Mettete tutto quello che avete nel mettere Gesù al primo posto nella vostra vita. Mettete tutto quello che avete nell’obbedirgli. Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, vi dico, cercheranno di entrarvi e non ci riusciranno.

Quando il padrone di casa si sarà alzato e avrà chiuso la porta, voi comincerete a star fuori e a bussare alla porta, dicendo: ‘Signore, aprici’. Cosa stiamo facendo fuori? Che è successo? Perché siamo fuori? Perché hai chiuso la porta? E lui vi risponderà: ‘Non so da dove veniate’. Allora comincerete a dire: ‘Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze’. Quello che stanno fondamentalmente dicendo è: ‘Signore, eravamo solidali con te. Siamo venuti alle tue preghiere di guarigione. Siamo venuti ai tuoi insegnamenti. Abbiamo mangiato e bevuto con te. Eravamo amichevoli nei tuoi confronti’. Poi il Signore dice: ‘Vi dico, non so da dove veniate. Allontanatevi da me, voi operatori di iniquità. Là ci sarà pianto e stridore di denti quando vedrete Abramo, Isacco, Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio e voi stessi gettati fuori’.

Ovviamente questo si applica agli Ebrei che rifiutarono Gesù e non entrarono nella porta che Gesù stava aprendo per il suo popolo. E si applica anche ai Gentili che entrano, causando costernazione agli Ebrei. Ma si applica anche a ciascuno di noi individualmente, perché la porta si chiuderà, e essere solidali con Gesù non è sufficiente per salvarci. Non è sufficiente per farci entrare nella festa di nozze. Dobbiamo avere l’abito nuziale. Ricordate la parabola della festa di nozze: se qualcuno entra senza l’abito nuziale; viene cacciato fuori. Tutti sono stati accolti. Tutti sono venuti. Ma se non veniamo con un abito nuziale, se non veniamo rivestiti di Cristo, se non veniamo amando Gesù e obbedendo a Gesù e, nonostante le nostre imperfezioni e nonostante le nostre cadute, pentendoci e tornando ancora e ancora da Gesù, non entreremo nel regno di Dio.

Ora, so che questo suona abbastanza radicale, ma ciò che realmente significa è che non è sufficiente andare in chiesa solo la domenica. Non è sufficiente essere battezzati. Non è sufficiente neanche ricevere la comunione perché sappiamo che possiamo ricevere la comunione indegnamente e ciò può portarci alla condanna.

Ascoltate cosa dice il Concilio Vaticano II a riguardo. Dice nella sezione 14 della Costituzione sulla Chiesa: ‘Anche se incorporato nella Chiesa, chi non persevera nella carità non è salvato‘. Quindi, puoi essere un membro della Chiesa, puoi essere un membro battezzato e anche assiduo frequentatore della chiesa, ma non essere salvato.
Rimane effettivamente nel seno della Chiesa, ma nel corpo, non nel cuore. Tutti i figli della Chiesa dovrebbero tuttavia ricordare che la loro condizione esaltata come cattolici non deriva dai loro meriti, ma dalla grazia di Cristo. Se non rispondono in pensiero, parola e azione a quella grazia, a quel dono di salvezza, a quel dono di essere cattolici, non solo non saranno salvati, ma saranno giudicati più severamente.

Dobbiamo svegliarci. Dobbiamo aiutare i nostri fratelli e sorelle che sono caduti addormentati. Dobbiamo aiutare i nostri fratelli e sorelle che hanno frainteso la misericordia di Dio e sono diventati presuntuosi sulla misericordia di Dio senza rispondere con fede e pentimento. Dobbiamo essere disposti a strappare le persone dalla via larga che porta alla distruzione e farle unire a noi sulla via stretta. È così importante ascoltare questo messaggio. Questo è salvifico. Questo è misericordioso. Questo è Dio che cerca di scuoterci e svegliarci dalla nostra oscurità, dalla nostra presunzione, dal nostro pensiero folle per farci prestare attenzione a ciò che ci sta dicendo.

La porta si sta chiudendo. La porta si chiuderà per ciascuno di noi. La porta si chiuderà per l’intera storia della razza umana. E alcuni, forse molti, saranno persi. Saranno fuori quando la porta si chiuderà perché non sono entrati quando era aperta. La porta è aperta tra la prima e la seconda venuta di Cristo, ma si chiuderà al giudizio finale. E ci saranno coloro che sono nella casa del Padre e coloro che rifiutano di prestare attenzione, rifiutano di credere, rifiutano di obbedire, rifiutano di pentirsi, e saranno fuori per sempre.

Che messaggio radicale per le vergini sagge e le vergini stolte. Che risposta radicale dà Gesù alla domanda: ‘Saranno pochi in numero coloro che sono salvati?’ Non vuole che siano pochi in numero coloro che sono salvati, ma sta cercando di svegliarci affinché siamo tra i salvati, affinché non siamo tra coloro che presumono di avere una buona relazione con il Signore quando non ce l’hanno. La porta si sta chiudendo. Dobbiamo farci la domanda: ‘Saremo dentro o fuori quando la porta si chiude?’

Dio ci aiuti ad essere dentro. Dio ci aiuti a credere in mezzo alla confusione, ad obbedire in mezzo all’inganno, ad amare quando ogni giorno ci sono presentate molte sfide all’amore.

Condividi l’articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *