Sostienici

Essere “brave persone” non basta

brave persone

Rispondere alla chiamata alla santità significa essere brutalmente onesti con noi stessi e con gli altri, non basta essere “brave persone”.

Vi proponiamo un articolo dal sito Aleteia inglese scritto da Meg Hunter-Kilmer, traduzione curata da opposto. L’originale è disponibile al seguente link. Buona lettura!


Chi ama la correzione ama la conoscenza, ma chi odia il rimprovero è stupido.
(Proverbi 12:1)

Perché dici: “Sono ricco, mi sono arricchito e non ho bisogno di nulla”, senza renderti conto che sei miserabile, pietoso, povero, cieco e nudo. Perciò ti consiglio di comprare da me oro raffinato dal fuoco, affinché tu possa essere ricco, e vesti bianche per coprirti e scongiurare la vergogna della tua nudità, e balsamo per ungere i tuoi occhi, affinché tu possa vedere. (Apocalisse 3:17-18)


San Francesco, conosciuto come l’uomo più simile a Cristo dopo Cristo, fu trovato una volta a piangere per i suoi peccati. Dichiarò di essere il più grande peccatore del mondo. Sorpreso, il suo compagno gli fece notare gli atroci peccati commessi da molti. “Ma se avessero ricevuto la grazia che io ho ricevuto”, rispose Francesco, “sono sicuro che amerebbero Dio molto più di me. So quello che mi è stato dato. Non so cosa sia stato dato a loro.”

L’umiltà potrebbe essere la caratteristica più sorprendente dei santi, un’umiltà così profonda da sembrare quasi ridicola. Più una persona ama Dio, meno pensa a se stessa. Immagino che man mano che ci si avvicina alla Luce, i propri difetti emergano in modo più evidente, proiettando ombre più lunghe rispetto a difetti molto più grandi in chi è lontano dal Signore. E così, più si diventa santi, più si diventa umili.

Il problema è che la maggior parte di noi si ferma prima di raggiungere il punto della santità. Lavoriamo per diventare “persone buone”, persone che non rubano, non tradiscono o non frodano le tasse, e poi ci accontentiamo. Pensiamo piuttosto bene di noi stessi, specialmente confrontandoci con il resto del mondo. “Ti ringrazio, Dio”, preghiamo, “che non sono come il resto dell’umanità — avida, disonesta, adultera…” (Luca 18:11) senza ringraziare realmente Dio, ma congratulandoci. E poi torniamo alle nostre piccole gelosie, egoismi o rabbie, felici di non essere così cattivi come gli altri. “Mi sono arricchito e non ho bisogno di nulla.”

Ma la chiamata a seguire Cristo non è una chiamata a essere una brava persona. È una chiamata a essere perfetti come il tuo Padre celeste è perfetto. (Matteo 5:48) Ovviamente non è qualcosa che possiamo fare senza grazia: ogni cosa buona viene da Dio. Ma per la stragrande maggioranza di noi (tutti coloro che non sono chiamati a essere eremiti, suppongo), non è neanche qualcosa che possiamo fare senza una comunità. Con comunità non intendo solo persone che sono contente di vederti alla cena di pesce, ma persone che ti amano abbastanza e hanno il coraggio di dirti quando non stai vivendo nel modo in cui dovresti. Senza quella correzione fraterna, stagniamo, convinti che poiché siamo migliori degli altri, siamo abbastanza buoni. E mentre il nostro Dio misericordioso è facile da soddisfare, è difficile da appagare. Vuole più che solo brave persone; vuole santi.

Ciò significa che dobbiamo essere onesti con noi stessi — e con gli altri — che ci sono parti delle nostre vite in cui siamo miserabili, pietosi, poveri, ciechi e nudi. Forse è il nostro rifiuto di decimare o la nostra propensione a chiacchierare. Sono abbastanza sicuro che il Signore avrà molto da dire a me riguardo a commenti brutti fatti solo per divertire la gente. Potrebbe essere un peccato mortale o solo un’imperfezione minore, ma il tuo cuore ha bisogno di essere purificato e raffinato dal fuoco.

Ecco perché Dio ci ha fatti vivere in comunità. Potresti non essere in grado di vedere la scheggia nel tuo occhio e non è affare di tutti farlo notare. Ma hai dato a tua moglie il permesso di correggerti quando gliel’hai chiesto attraverso i tuoi voti di aiutarti a diventare santo. E i tuoi coinquilini o tuo fratello o le persone nel tuo gruppo di studio biblico potrebbero vedere qualcosa in te che ti tiene lontano da Dio, se solo permetti loro di dirtelo.

Non è facile essere sfidati, specialmente se (come me) pensi di essere abbastanza bravo in questa cosa di seguire Gesù. Ma è una cosa sciocca cercare di farcela da soli quando i tuoi occhi sono offuscati dal peccato. Questa settimana, prego affinché Dio mi aiuti a vedermi come sono e che mi mostri le persone che ha messo nella mia vita per sfidarmi e correggermi. E poi ingoierò il mio orgoglio e chiederò loro: cosa devo cambiare per poter amare Dio meglio? Già ora lo temo, ma confido che questo morire a se stessi sarà seguito — come sempre — da una risurrezione.

ALTRI ARTICOLI


Condividi l’articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *