Sostienici

Michał Rapacz, martire ucciso dai comunisti in Polonia, è stato beatificato

L’articolo è stato tradotto dalla redazione dal sito della diocesi di Kielce al seguente LINK.

La beatificazione di oggi è un segno di consolazione da parte di Dio, in tempi segnati dalle ferite inflitte dalla violenza e dalla guerra – ha detto il cardinale Marcello Semeraro nel Santuario della Divina Misericordia a Cracovia-Łagiewniki. Il Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi ha presieduto sabato 15 giugno la Messa di beatificazione di don Michał Rapacz – parroco di Płok, assassinato dai comunisti il 12 maggio 1946. Da ora in poi, il 12 maggio sarà il giorno del ricordo liturgico del nuovo beato.

“Il nostro nuovo Beato ci incoraggia a credere nel potere dell’Eucaristia, l’unico mezzo attraverso il quale ciascuno di noi può diventare ogni giorno sempre più simile a lui, un pastore secondo il Cuore di Cristo, un testimone fedele e nobile del Vangelo fino a sacrificare la propria vita, come abbiamo sentito nella Lettera Apostolica di Papa Francesco, grazie alla quale don Rapacz è stato elevato alla gloria degli altari” – ha detto il cardinale Semeraro nell’omelia.

Il Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi ha sottolineato che il beato don Michał traeva “forza e energia interiore” dalla celebrazione della Messa e dall’adorazione del Santissimo Sacramento, capace di trasformare la vita e il mondo, la quotidianità e la storia. Il cardinale ha ricordato che il parroco di Płock ogni sera si recava in chiesa, si poneva davanti al tabernacolo, si prostrava a terra e lì lo Status animarum, “l’elenco dei parrocchiani”, diventava il suo libro di preghiere, attraverso il quale raccomandava a Dio, uno per uno, le famiglie e le persone della sua comunità.

“Rendere onore all’Eucaristia significa anche questo: offrire a Lui, a Gesù Cristo, tutto sé stessi e tutto ciò che in quel momento necessita di sperimentare la Sua forza liberatrice e trasformante” – ha detto il cardinale Marcello Semeraro. Rivolgendosi direttamente ai sacerdoti, ha sottolineato: “I fedeli, le nostre comunità, tutta la Chiesa ha bisogno del nostro ‘sì’, della nostra disponibilità ad adattare la nostra vita al mistero che celebriamo sull’altare”.

“Il giorno di oggi è per la Polonia un giorno di conforto e speranza. (…) Lasciamoci conquistare dalla fede e dall’amore del martire don Michał Rapacz usque ad effusionem sanguinis – fino al versamento del sangue, e così verrà rianimata la nostra fiducia in Gesù Cristo, il Salvatore del mondo” – ha esortato il Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, concludendo l’omelia con l’invocazione: “Beato don Michał Rapacz, prega per noi!”.

Al termine della liturgia, l’arcivescovo di Cracovia, Marek Jędraszewski, ha rivolto ai presenti parole di ringraziamento. Ha richiamato l’attenzione sulla tonaca di don Michał Rapacz visibile nell’immagine della beatificazione. Ha sottolineato che essa parla di “lavoro, sofferenza e morte da martire” di don Michał, ricorda la tonaca del beato don Jerzy Popiełuszko, e indica anche una “lunga serie di sacerdoti perseguitati, imprigionati, maltrattati e persino assassinati dai comunisti ancora prima della seconda guerra mondiale, durante il suo corso e anche dopo la sua conclusione”. In questo contesto ha menzionato il Servo di Dio don Roman Kotlarz e i sacerdoti: Stefan Niedzielak, Stanisław Suchowolec e Sylwester Zych, che hanno perso la vita in circostanze cosiddette inspiegabili nel 1989. Ha osservato che questa tonaca ricorda anche il Venerabile Servo di Dio don Stanisław Streich, assassinato a Luboń vicino a Poznań alla fine di febbraio 1938 da un agente comunista inviato da Mosca, in attesa di una prossima beatificazione.

Come ha detto l’arcivescovo di Cracovia, don Rapacz sapeva di essere chiamato a essere testimone di verità e santità. Per questo motivo, don Michał Rapacz si preoccupava molto della catechesi dei bambini e dei giovani, e pertanto proteggeva la santità dei sacramenti, assicurandosi che non vi partecipassero persone che con il loro comportamento quotidiano contraddicevano o negavano i principi della fede cattolica.

L’arcivescovo Marek Jędraszewski ha sottolineato il ruolo che l’Eucaristia ha giocato nella vita di don Michał Rapacz. Essa lo ha preparato al martirio del 12 maggio 1946. “Guardando alla figura del beato don Michał Rapacz, la cui beatificazione conclude il Congresso Eucaristico dell’Arcidiocesi di Cracovia, sperimentiamo ancora di più ciò che Dio ci ha dato nell’Eucaristia – nella Sua infinita amore ci ha dato Suo Figlio, affinché rispondiamo continuamente con il nostro fedele amore, soprattutto partecipando alla Messa domenicale e all’adorazione del Santissimo Sacramento” – ha detto l’arcivescovo.

Ha ringraziato Papa Francesco per la sua decisione di elevare don Michał alla gloria dei beati e il cardinale Marcello Semeraro per aver presieduto la cerimonia di oggi. Ha ringraziato anche tutti i presenti alla liturgia e tutti coloro che hanno partecipato all’organizzazione delle celebrazioni di beatificazione.

Alla cerimonia a Łagiewniki, Cracovia, erano presenti il nunzio apostolico in Polonia, l’arcivescovo Antonio Guido Filipazzi, e rappresentanti dell’episcopato polacco. Erano presenti, tra gli altri, il cardinale Kazimierz Nycz e il cardinale Stanisław Dziwisz, l’arcivescovo Tadeusz Wojda – presidente della Conferenza Episcopale Polacca, così come gli ordinari dell’arcidiocesi e delle diocesi: l’arcivescovo Stanisław Gądecki, l’arcivescovo Adam Szal, l’arcivescovo Józef Guzdek, l’arcivescovo Adrian Galbas, il vescovo Sławomir Oder, il vescovo Andrzej Jeż, il vescovo Jan Piotrowski, il vescovo Roman Pindel e i vescovi ausiliari e anziani.

La liturgia è stata accompagnata dal canto di 250 coristi, che si sono riuniti per il III Pellegrinaggio dei Cori dell’Arcidiocesi di Cracovia.

La Messa è stata preceduta da una veglia, durante la quale è stato eseguito, tra l’altro, l’inno del Congresso Eucaristico dell’Arcidiocesi di Cracovia (la beatificazione di don Michał Rapacz conclude questo evento iniziato con la Messa del Crisma il Giovedì Santo), è stata cantata la Litania a Cristo, Sacerdote e Vittima; si è pregato anche per le vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata.


Se l’articolo ti è piaciuto, considera di fare una DONAZIONE al SEGUENTE LINK. Ci aiuterai a coprire i costi del sito internet, delle attrezzature per realizzare i podcast e il lavoro necessario. Per voi è come offrirci un caffè, per noi è un grande aiuto! Grazie!


Condividi l’articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *