Sostienici

Tutto quello che devi sapere sulla riforma protestante – parte 2

,

L’articolo e’ stato scritto da Sonja Corbitt per il sito americano “Ascension” e la traduzione italiana e’ stata curata da Opposto. La versione in lingua originale e’ disponibile al seguente link: media.ascensionpress.com/2017/10/30/redeeming-reformation-day/

Per la PARTE 1 clicca QUA

In quanto protestante ho iniziato a fare ricerche sulla Riforma protestante sotto la spinta delle continue divisioni e scissioni ecclesiali che ho vissuto, sia come responsabile di un ministero che come membro di una chiesa. Mi hanno subito colpito due cose: i paralleli biblici della scissione protestante con il Grande Peccato di Israele e la ferita del padre di Martin Lutero.

La ferita del padre di Martin Lutero

Ho riconosciuto la ferita paterna di Martin Lutero perché anch’io ne ho una e la mia ferita paterna mi ha portato a comportarmi esattamente come Martin. Martin è scappato in monastero per sfuggire a un padre violento e alcolizzato. All’inizio ha trovato un po’ di pace, ma, grazie al suo talento, ha accumulato responsabilità fino a soffocare le sue discipline spirituali e la sua vita di preghiera.  

Privo della linfa vitale della preghiera quotidiana che avrebbe potuto guarire la sua ferita, e afflitto dal perfezionismo derivante da un’educazione critica, cadde nell’abitudine di cercare di recuperare tutte le discipline spirituali in una volta sola. Il confronto ripetuto con i suoi fallimenti spirituali lo rese maniacale fino alla disperazione.

Trovava conforto nelle rassicurazioni di grazia della Bibbia, ma i comandamenti riguardanti le opere erano intollerabili; semplicemente sentiva che non avrebbe mai potuto fare abbastanza per piacere a Dio. Nessuno poteva, pensava.

Allo stesso tempo, la Chiesa era caduta in una grossolana carnalità. Martin era giustamente sconcertato e diventava sempre più irrispettoso nei confronti della gerarchia.

Afflitto da un difetto predominante di ira e da un conflitto spirituale personale tra fede e opere che gli derivava dalla ferita paterna, Lutero si oppose deliberatamente alla Chiesa cattolica storica e alla Bibbia stessa, predicando la “sola fede” piuttosto che la sola grazia e la “sola Scrittura” piuttosto che la Scrittura e la Tradizione (2 Tessalonicesi 2:15).

La Chiesa, in quanto legittima custode del Deposito della Fede e “colonna e fondamento della verità” (1 Timoteo 3:15), difese rigorosamente il cristianesimo storico contro i nuovi insegnamenti di Lutero. Mentre Martin traduceva la Bibbia nella sua lingua madre arrivando a sbagliare di proposito la traduzione del testo per adattarlo al nuovo insegnamento, così necessario per il suo benessere mentale, come ad esempio l’inserimento della parola ‘sola’ in Romani 3:28: “Riteniamo infatti che un uomo sia giustificato dalla sola fede, a prescindere dalle opere della legge”.

Ciò che mi ha fatto inorridire, come protestante che legge gli scritti di Lutero, è stato il suo temperamento irascibile, la sua spaventosa mancanza di santità e il suo atteggiamento inconsulto nei confronti della Chiesa e persino delle stesse Scritture, per le quali sosteneva di avere riverenza.

In ‘Storia della Chiesa cristiana, lo spirito protestante della versione di Lutero’, di Phillip Schaff, Lutero dice: “Se il vostro papista fa tante inutili storie sulla parola sola, allein [sola], diteglielo subito: Il dottor Martin Lutero vuole che sia così, e dice: “Papista e asino sono la stessa cosa”: Papista e asino sono la stessa cosa“.

Perché noi non vogliamo essere allievi e seguaci dei papisti, ma loro padroni e giudici… Perciò la parola allein [sola] rimarrà nel mio Nuovo Testamento, e anche se tutti i papisti dovessero diventare furiosi e sciocchi, non la toglieranno“.

La vera Riforma

Gli scritti della storia della Chiesa dimostrano che la dottrina cattolica è rimasta la stessa dagli apostoli a Lutero, anche se la santità e la pratica della gerarchia sono degenerate.

Sebbene Lutero avesse certamente delle preoccupazioni legittime, lo scandalo istituzionale e il peccato nella gerarchia non annullano mai la fedeltà e gli scopi di Dio nell’autorità religiosa e attraverso di essa (Romani 3:3-4; Matteo 8:5-13). Anche con la loro autorità limitata, i pastori protestanti affermano questo, ma lo negano alla Riforma.

Ecco perché Gesù non si ribellò mai ai Giudei o ai Romani. Sapeva che entrambi stavano adempiendo agli scopi di Dio e che il giudizio di Dio sarebbe avvenuto per mano sua al momento opportuno.

Gesù ha semplicemente testimoniato la verità e ha accettato le conseguenze da parte delle autorità. Confidava che Dio lo rivendicasse al momento opportuno. Attese la liberazione, il giudizio e la riforma di Dio, che arrivarono rapidamente nel 70 d.C. con la distruzione completa del tempio e dei suoi sacrifici.

Questo è l’esempio che Martin Lutero avrebbe dovuto seguire. Invece, egli insegnò deliberatamente e presuntuosamente “strane dottrine” anche dopo che la Chiesa lo ebbe corretto, come era suo dovere davanti a Dio in quanto custode del Deposito della Fede.

Come gli angeli caduti prima di lui, Martin rifiutò ostinatamente di sottomettersi all’autorità legittima sull’interpretazione delle Scritture o su qualsiasi questione quando fu corretto (cfr. Romani 13:1-2).

Quello di Martin era lo stesso atteggiamento che ho visto nelle persone che hanno diviso la mia chiesa e le chiese della mia denominazione. A quanto pare, la divisione delle chiese è un’epidemia.

L’atteggiamento ribelle e arrogante di Lutero ha fatto scuola, ed è stato lo stesso atteggiamento con cui ho iniziato la mia vita. Ho visto chiaramente che io e Martin Lutero eravamo fatti della stessa pasta.

La sorella minore di Martin Lutero

Per tutta la mia vita adulta, la mia formazione spirituale per mano di Dio si è incentrata sulla questione dell’autorità e Martin Lutero, con le sue stesse parole, mi ha spinto personalmente nella Chiesa.

Ho riconosciuto la sua ribellione per quello che era, e mi sono persino dispiaciuto per la sua radice e per tutta l’empia distruzione che ha portato alla Chiesa. Come Martin, sono uscito dall’infanzia con profonde “ferite paterne” che hanno provocato una ribellione a volte violenta contro l’autorità.

San Paolo mette in guardia i padri dall’instillare questa ira nei figli con intrattabilità (cfr. Efesini 6:4). Tuttavia, Dio non mi ha mai lasciato libera quando ho manifestato un comportamento ribelle o rabbioso, o anche semplicemente l’ho coltivato nel mio cuore.

Mio padre era aggressivo, dominante e controllante, quindi ero determinata a non costringermi mai più a fare qualcosa che non volessi. Qualsiasi difetto nei miei sforzi e nei miei risultati migliori e più lodati veniva sottolineato da mio padre.

I miei gesti d’amore e di vicinanza si scontravano con critiche dolorose. “Non chiamarmi papà”, diceva. “Chiamami papà”. Ho passato settimane a subire il trattamento del silenzio.

Da bambino, tutto ciò che era doloroso tra me e mio padre – le correzioni e la disciplina, i suoi sbalzi d’umore e la sua rabbia fuori controllo, i suoi lunghi e brutti silenzi – veniva considerato colpa mia.

In seguito, le critiche degli altri mi hanno fatto tremare di rabbia per il dolore di non essere all’altezza. Potete immaginare quanto fossero difficili i miei rapporti con gli uomini che avevano autorità su di me, soprattutto con quelli che amavo o rispettavo.

Rompevo oggetti, ero autolesionista, davo inizio ad aggressioni fisiche, manifestavo regolarmente eruzioni emotive volatili e controllavo e manipolavo severamente il mio ambiente e la mia famiglia. Ero emotivamente fuori controllo e il dramma si scatenava a ogni provocazione.

Ho sviluppato il disturbo ossessivo-compulsivo e il perfezionismo. Mi sono curata da sola. Ho fatto voti di autocontrollo e poi mi sono sciolta in una pozza di lacrime quando li ho infranti, credendo che non sarei mai stata in grado di guadagnarmi l’amore di Dio e che non valevo nulla.

L’essere emersa da un’educazione di questo tipo mi ha fatto nascere dei veri e propri sospetti sull’autorità della Chiesa, soprattutto a causa delle mie esperienze nelle chiese confessionali. Quando ero ventenne e guidavo una chiesa battista, ci fu una disputa contro il nostro pastore.

Non era altro che un conflitto di personalità, in realtà, ma avevo scelto una parte e avevo ogni sorta di opinione che sembrava completamente giusta e corretta. Dopo tutto, potevo dimostrare ognuna di quelle opinioni con un versetto della Bibbia. Il problema era che Dio contraddiceva le mie opinioni e le mie reazioni all’autorità più e più volte con la sua parola.

La ribellione nella Bibbia

Quando Miriam, sorella di Mosè e donna di rango nella comunità israelita, rivendicò il diritto di essere sacerdote e istigò una ribellione, Dio la corresse pubblicamente, in modo che tutti conoscessero la sua volontà in materia (cfr. Numeri 12). Quando i laici si sollevarono per usurpare la gerarchia del sacerdozio, Dio giudicò pubblicamente la questione (cfr. Numeri 17).

Il re Saul fu destituito dalla carica di re per mancanza di sottomissione alla volontà di Dio, “perché la ribellione è come il peccato di divinazione e l’ostinazione è come l’iniquità e l’idolatria” (1 Samuele 15:23). Si dice che il cuore del re Davide fosse come quello di Dio perché era sottomesso alla volontà di Dio attraverso un cattivo leader.

Gli angeli caduti furono cacciati dal cielo per il loro rifiuto di servire e il mondo intero subì l’assalto di questa divisione. Nel Giardino dell’Eden l’insurrezione gettò tutta l’umanità e la creazione a capofitto nello svilimento, nella distruzione e nella morte.

Il famoso Grande Peccato di Israele si verificò quando il regno fu diviso da un generale indignato e dieci dodicesimi del popolo di Dio furono portati alla fede e al culto idolatrico.

Senza mezzi termini, attraverso la parola di Dio mi è stato fatto capire che la ribellione è, il più delle volte, il peccato di Satana e che riunire una squadra e dividere una chiesa significa opporsi a Dio stesso: “Ogni persona sia sottomessa alle autorità che la governano. Infatti non c’è autorità se non da Dio, e quelle che esistono sono state istituite da Dio. Perciò chi resiste alle autorità resiste a ciò che Dio ha stabilito, e chi resiste incorre nel giudizio” (Romani 13:1-2).

In preghiera, Dio ha sempre chiamato la mia ribellione furiosa peccato, ha indicato la ferita sottostante, si è aspettato che mi assumessi la responsabilità di me stessa e del mio comportamento e mi ha attirato a sé per ottenere perdono, grazia e guarigione. Attraverso ripetuti confronti con Dio nelle Scritture sulla mia ferita e sul mio dolore, mi ha insegnato ad amarlo piuttosto che a temerlo.

Vai e non peccare piu’

Quando ho letto gli scritti di Martin Lutero ho capito che la “riforma” era in realtà una scissione della Chiesa ribelle su scala monumentale. La ferita paterna di Lutero lo portò a disprezzare l’autorità, e mi resi conto di averne fatto parte inconsapevolmente con la mia stessa ribellione.

Come potevano Gesù, o San Paolo, o uno qualsiasi dei Padri della Chiesa che erano morti per l’unità della dottrina e della pratica, affermare o celebrare la divisione nella Chiesa?

Non volevo farne parte. Così sono tornata a casa nella Chiesa cattolica del mio retaggio; per me, il “Giorno della Riforma” è stato redento attraverso la mia ferita paterna.  


Se l’articolo ti è piaciuto, considera di fare una DONAZIONE al SEGUENTE LINK. Ci aiuterai a coprire i costi del sito internet, delle attrezzature per realizzare i podcast e il lavoro necessario. Per voi è come offrirci un caffè, per noi è un grande aiuto! Grazie!


Condividi l’articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *