Sostienici

Cos’è veramente l’amore?

Cos'è veramente l'amore?

La crisi degli uomini e della famiglia – di Jacek Pulikowski

L’articolo è una traduzione dall’originale polacco sul sito “www.przymierzezmaryja.pl” disponibile al seguente link. La traduzione è curata da Opposto.

Giovanni Paolo II soleva dire che il futuro del mondo passa attraverso la famiglia. D’altra parte, il futuro delle famiglie, attraverso la durata, la fedeltà e…la fecondità, dipende dalle attitudini materne e paterne. Perciò, la vera fonte della crisi del matrimonio, visibile a occhio nudo, è la crisi delle persone che lo costituiscono: donne e uomini.

La crisi della maternità deriva principalmente dalla smarrimento delle donne, che hanno creduto al “mondo”, che sostiene che possono trovare la felicità in carriere che non hanno nulla a che fare con la maternità. La carriera di una “businesswoman” emancipata, che ottiene successi straordinari nell’industria bellica, nella produzione mortale, può essere un esempio simbolico di questo smarrimento. Ancora più tragiche sono le richieste delle donne che vogliono il diritto di uccidere i propri figli nel grembo materno. Tuttavia, non è lo smarrimento delle donne la cosa più pericolosa per il futuro del matrimonio, della famiglia e del mondo. Credo che questo smarrimento possa passare abbastanza facilmente.

L’istinto materno

In primo luogo, nel corpo e nella psiche della donna sono inscritti meccanismi molto forti che alcuni chiamano apertamente “istinto materno”. Una donna, anche sorpresa dalla maternità, dopo aver accolto, accettato, partorito e allattato al seno il proprio figlio, di solito si trova nella sua “missione storica” – nella maternità. Conosco molte donne che, chinandosi sul proprio neonato, hanno completamente cambiato le loro opinioni, visioni e persino i loro piani di vita.

In secondo luogo, non ci sarebbe lo smarrimento delle donne se gli uomini adempissero correttamente al loro ruolo di provveditori, difensori, e custodi delle donne e dei bambini. Quindi, un cambiamento di atteggiamento degli uomini aiuterebbe radicalmente le donne a ritornare ai loro eterni ruoli e quindi a ritrovare la loro felicità smarrita. In particolare, gli uomini dovrebbero essere un sostegno psicologico per le donne e preoccuparsi affinché le donne non si smarriscano nella vita, tra le molte offerte e mode di questo mondo. Già nel paradiso, Adamo non ha compiuto questa missione, non ha custodito Eva prima che commettesse l’errore. Per questo è proprio a lui, non ad Eva, che Dio chiede: “Dove sei?”. Si potrebbe aggiungere “perché non l’hai custodita?”. Adamo, come sappiamo, si nascose tra i cespugli. Si nascose e cercò di scaricare la colpa su Eva: “La donna che mi hai posto accanto…”. Purtroppo, sembra che Adamo finora non sia uscito da quei cespugli e continui a incolpare le donne per ogni male. Lo fa magnificamente, intelligentemente, logicamente… così abilmente che forse ormai ci crede anche lui.

L’uomo smarrito

Cosa intendo con questo? Sto cercando di esprimere un concetto triste per l’uomo contemporaneo: il futuro del mondo è minacciato principalmente a causa della smarrimento e di una certa mancanza di sviluppo e crescita degli uomini. Le carenze chiave sono nei campi dell’amore e della responsabilità.

Purtroppo, siamo giunti a una confusione così grande di concetti nel linguaggio contemporaneo che anche i termini di base devono essere spiegati e ridefiniti.

È difficile trovare un concetto più basilare della parola “amore”.
Tuttavia, nel mondo attuale, si mescola comunemente l’amore con i sentimenti, senza menzionare che chiamano “amore” un’attività sessuale completamente separata dall’amore. Così, “amore” può essere usato, ad esempio, per descrivere mariti che tradiscono le mogli, mogli che tradiscono mariti, partner casuali senza legami e impegni duraturi, ecc.

Il dono disinteressato di se stessi…

Cos’è veramente l’amore dunque? Si possono fornire molte definizioni belle, diverse e completamente corrette. L’amore si esprime quindi attraverso azioni di cura per il bene della persona amata, è una funzione della volontà orientata al bene dell’altro, è fare il bene dell’altro essere umano, e infine, in quanto è il bene più grande, la cura dello sviluppo dell’altro verso la santità.


Personalmente, spesso cito la frase pronunciata più volte da Papa Giovanni Paolo II: “L’uomo non può davvero trovare se stesso appieno se non attraverso il dono disinteressato di se stesso“.

In questa affermazione non solo c’è una definizione di amore come dono disinteressato di se stessi, ma anche il messaggio che non c’è altro modo per “trovare se stessi”, cioè per la felicità, se non attraverso l’amore.

La cura per il bene dell’altro richiede almeno una minima disciplina dell’egoismo personale. Qui ci scontriamo con una – purtroppo sempre più diffusa – mancanza di maturità negli uomini. Come piccoli ragazzi, vogliono giocare incessantemente e impunemente (Peter Pan, playboy). Trattano le donne come bambole – giocattoli. Va notato anche che sempre più donne vogliono essere belle bambole che suscitano solo il desiderio degli uomini. Proprio solo il desiderio, non l’ammirazione, l’incanto, il desiderio di adorarla, la contemplazione, il sacrificio per lei, o la volontà di legarsi a lei per tutta la vita. L’immaturità degli uomini si esprime, tra le altre cose, nell’incapacità di controllare gli impulsi sessuali del proprio corpo. Spesso questo va di pari passo con la visione di pornografia e la masturbazione. Questo è ovviamente un cancello aperto alla dissolutezza sessuale, e in particolare all’adulterio che distrugge tragicamente i matrimoni oggi.

Ancora più dolorosa della mera immaturità è l’atteggiamento di accettazione, e persino l’elogio dell’immaturità. Questo è nascosto in slogan popolari come “fai ciò che vuoi”, “libertà sessuale”, “sesso liberato”, “relazioni libere”, “sesso spontaneo”, “diritto alla propria felicità” (che nella pratica significa il diritto di soddisfare desideri sessuali senza riguardo al bene del coniuge e dei figli). Molti uomini nemmeno vogliono avvicinarsi alla propria maturità. Non hanno mai intrapreso un onesto sforzo di autocontrollo. A volte si vantano della propria immaturità, espressa anche nelle storie dei loro “successi” negli incontri sessuali casuali. È triste, ma purtroppo vero.

Altro da Opposto, leggi: “La Fede, la salvezza e la santa urgenza

Vera libertà: dominio su se stessi

Torniamo alla definizione positiva dell’amore. L’amore come dono di sé. Chiaramente, richiede il dominio di sé – il possesso di sé. Il possesso di sé è il risultato di uno sforzo e di una grazia che, provenendo dalla rottura primordiale (disintegrazione della persona), può portare a una piena libertà (integrazione).

La libertà quindi è la capacità di scegliere il bene e respingere il male, indipendentemente dagli stimoli interni o dalle pressioni esterne. Un individuo veramente libero può persino sacrificare la propria vita per difendere i valori professati (ad esempio, la fede).

Cos’è veramente l’amore: decisione e scelta

Quindi, l’amore può essere una decisione. Può essere scelto razionalmente, promesso e adempiuto al di là di ostacoli e difficoltà. In questo senso, l’amore può (e deve!) essere imposto a se stessi dal momento in cui si assume un tale impegno sacramentale (matrimonio, sacerdozio). Adempiere a questo impegno per un individuo maturo che beneficia anche della grazia derivante dai sacramenti è sempre possibile. Il fedele e onesto adempimento di questo impegno merita lode, rispetto e persino ammirazione, oltre che alla ricompensa della felicità eterna. È importante aggiungere che il vero amore genera bene…e solo bene. Dall’albero si riconosce il frutto. Pertanto, poiché l’atto sessuale può portare bene sia alle persone che alla loro relazione solo nel matrimonio, ogni rapporto sessuale extramatrimoniale in quanto non genera bene, ma danni, è essenzialmente una negazione dell’amore.

La necessità della responsabilità

La responsabilità è un privilegio dell’essere umano, poiché richiede l’uso della ragione e della volontà. L’uomo responsabile sa cosa fa, conosce le conseguenze delle sue azioni, le accetta, in altre parole, è disposto ad assumersi anche le conseguenze difficili e sgradevoli delle sue azioni. Sembra che agli uomini contemporanei manchi soprattutto la responsabilità. Un ritorno alla responsabilità maschile, senza dubbio, salverebbe le famiglie che stanno per morire, invertirebbe il destino del mondo verso il bene. Papa Giovanni Paolo II nell’esortazione apostolica Familiaris Consortio definisce i campi di responsabilità maschile. L’uomo è responsabile del buon sviluppo di tutti i membri della famiglia attraverso: la responsabilità per la vita concepita, la partecipazione all’educazione, il lavoro professionale (sostentamento), e l’esempio di un atteggiamento cristiano maturo. Già la responsabilità per le conseguenze delle proprie azioni sessuali, assunta con coerenza dagli uomini, cambierebbe senza dubbio il destino del mondo. In un istante, sparirebbero dalla faccia della terra numerose patologie che distruggono terribilmente le famiglie (pornografia, prostituzione, crimini sessuali, tradimenti, contraccezione, aborto e di conseguenza divorzi, bambini orfani, … ecc., ecc.).

Il ritorno alla guida della famiglia

L’uomo, tornando all’amore e alla responsabilità, diventerebbe nella famiglia ciò che dovrebbe essere. L’autorità del padre e del marito sarebbe ripristinata in modo naturale. Il padre sarebbe un sostegno (anche psicologico) per tutti i membri della famiglia. Tornerebbe a essere la guida della famiglia, recupererebbe ascolto. Le ragioni per assumere il controllo della famiglia da parte delle donne scomparirebbero, poiché loro starebbero bene e al sicuro sotto le ali protettive del marito e del padre dei loro figli. I bambini non si perderebbero nella vita, poiché avendo fiducia nell’amato papà, respingerebbero falsi mentori, idoli, sette.
Il marito, esercitando bene e con amore l’autorità che gli è propria, diventerebbe un autentico capitano, direttore d’orchestra, guida e…servo per la custodia del bene della famiglia! Tutti in famiglia sarebbero felici, poiché sarebbe stato ripristinato l’ordine originario, in accordo con il piano del Creatore. Basta “solo questo” affinché gli uomini ritornino all’amore vero e alla responsabilità.

Se l’articolo ti è piaciuto considera sostenere i costi del sito e dell’attrezzatura per realizzare il podcast al seguente link, anche pochissimo fa una grande differenza!


Altri articoli:

Condividi l’articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *