Sostienici

Un anno come eremita part-time: sullo scavare un buco e comprendere il passato [1]

Eremita

Di Don Johannes Maria Schwarz

–> Per la SECONDA PARTE clicca qui

Pensieri di un eremita part-time

“Tutti i problemi dell’umanità derivano dall’incapacità dell’uomo di sedersi tranquillo da solo in una stanza.” Questa citazione approssimativa di Blaise Pascal, pensatore del XVII secolo, fisico e brillante matematico, appare occasionalmente sui feed dei social media. Proviene dai suoi Pensieri (numero 139), pensieri frammentari annotati senza mai essere organizzati nel lavoro più ampio previsto.

La ricerca delle distrazioni

Ciò che Pascal intendeva dire era che cerchiamo costantemente distrazioni. Distrazioni che troviamo necessarie, perché altrimenti la gravità della nostra situazione – “la naturale povertà della nostra condizione debole e mortale”, come la chiama – ci opprimerebbe troppo. E così fuggiamo nel rumore e soffochiamo il lato sgradevole della realtà. Pascal non scrive questo con disprezzo. Era comprensivo. Deve esserlo stato. La sua vita relativamente breve fu plasmata dalla Guerra dei Trent’anni, uno dei conflitti più lunghi e distruttivi del continente. La distrazione era un modo per far fronte anche a questo.

Il problema secondo Pascal

Quindi, qual è il problema secondo lui? Il primo è sicuramente che, attraverso la costante ricerca di distrazioni, corriamo il pericolo di non conoscerci, vivere la vita superficialmente, evitando la realtà più profonda, le domande più profonde. E diventa sempre peggio, afferma Pascal, se confondiamo le distrazioni con fonti di vera felicità. Pensiamo, dice Pascal, che il possesso degli oggetti delle nostre ricerche ci renda davvero felici. Tuttavia, alla fine otteniamo ciò che cerchiamo e presto scopriamo di essere ancora infelici. La casa più grande non ha cambiato il nostro stato interno. La promozione non ha prodotto una soddisfazione duratura. Una relazione che prometteva gioia arriva anche con delle esigenze. Vogliamo riposo e siamo sempre inquieti. C’è qualcosa di insaziabile nella nostra ricerca. C’è qualcosa di insaziabile nella natura del nostro desiderio.

Progresso….verso dove?

Alcuni vedono in questo solo una “spinta”, una forza evolutiva che una volta ci ha spinto avanti – qualunque cosa significhi “avanti” in un cosmo cieco e senza significato. Questo porta, ora che le nostre menti lo percepiscono, solo a promesse vuote e disperazione. Le distrazioni vengono in soccorso.
Altri direbbero con Pascal che cerchiamo il riposo come per un “segreto istinto, un residuo della grandezza della nostra natura originale, che insegna che la felicità in realtà consiste solo nel riposo, e non nell’agitazione”.
Agostino, un millennio prima, aveva scritto la seguente frase, poi diventata famosa: “inquieto è il nostro cuore finché non riposa in te, o Signore”.
O come Pascal disse altrove: “Cosa proclama questo desiderio e questa impotenza, se non che un tempo nell’uomo c’era una vera felicità, di cui tutto ciò che rimane ora è l’impronta e la traccia vuota? L’uomo cerca invano di riempirsi con tutto ciò che gli sta intorno, cercando in cose che non ci sono, l’aiuto che non può trovare in quelle che sono, anche se nessuna può aiutare, poiché questo abisso infinito può essere colmato solo da un oggetto infinito e immutabile; in altre parole, da Dio stesso.” (425)
Ecco qui: il famoso “vuoto a forma di Dio” nell’uomo.

Il voler solo stare tranquilli

Ecco perché, secondo Pascal, abbiamo difficoltà a sederci tranquilli da soli in una stanza.

Da quanto è stato detto ormai è chiaro che il punto non è che dobbiamo imparare a sederci tranquilli. Il punto è che dovremmo percepire le distrazioni come distrazioni e non lasciare che offuschino le domande più pertinenti – domande che dovremo affrontare se la felicità e il riposo non sono l’ultima illusione.

In ogni caso, non siamo confinati in una stanza. Non dobbiamo chiuderci dentro. In realtà, personalmente ho sempre trovato che camminare sia perfettamente adatto a questa ricerca. Trovo che i pellegrinaggi siano un ottimo modo per lasciare alle spalle distrazioni e rumori. Ci sono tappe in un tale viaggio. La prima è fisica. Dolore e fatica mentre il corpo si adatta. Ma col tempo, l’aspetto fisico passa in secondo piano. Poi la mente inizia a vagare, assetata delle tante nuove impressioni, incontri e scoperte. Potresti passare settimane ordinando nella tua mente esperienze e dialoghi del passato. Ma alla fine il ritmo dei tuoi passi svuoterà lentamente la mente. Ti ritrovi a diventare sempre più silenzioso. E ad un certo punto smetterai di parlare con te stesso e inizierai ad ascoltare, ti ritroverai ad essere – ad essere come sei. Una volta che sei diventato silenzioso; una volta che sei semplicemente te, le tue scarpe da trekking non contano più. Hai iniziato un viaggio verso l’interno. Cosa troverai? O chi?

–> Per la SECONDA PARTE clicca qui

Se l’articolo ti è piaciuto e vuoi sostenere i costi delle nostre attività, puoi farlo al seguente link

ALTRI ARTICOLI

Condividi l’articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *