Sostienici

Come è nato il movimento carismatico cattolico: il weekend che ha infiammato la Chiesa

La storia del famoso “Duquesne weekend”, al quale era presente anche il dr. Ralph Martin che Opposto ha intervistato di recente, raccontata dalla lì presente Patty Mansfield

Il battesimo nello Spirito Santo e la nascita del Rinnovamento carismatico nella Chiesa Cattolica: cosa e’ successo al week-end di Pittsburgh nel 1967.
Testimonianza di Patti Gallagher Mansfield tratta dal sito: hearkandthedoveworldwide.org/en/2016/07/patti-mansfield/.
La traduzione in italiano e’ stata curata dalla redazione di Opposto. 

Spesso mi chiedono se mi stanco mai di raccontare la storia del Duquesne Weekend. Non mi stanco mai, perché è una storia d’amore, la storia della risposta benevola e straordinaria di Dio alla preghiera di alcune persone molto comuni.

In Luca 11 Gesù dice: “Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Se voi che siete cattivi sapete dare ai vostri figli cose buone, quanto più il Padre celeste darà lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono”. Ecco un principio infallibile: dalla prima Pentecoste in poi, lo Spirito Santo è sempre arrivato in risposta ad una preghiera fervente… ad una preghiera affamata e assetata di Dio… ad una preghiera che chiede, cerca e bussa. Nel mio libro “Come per una nuova Pentecoste” descrivo come l’intero XX secolo sia stato dedicato allo Spirito Santo in modo speciale. La beata Elena Guerra, all’inizio del XX secolo, esortò Papa Leone XIII a chiamare tutta la Chiesa a pregare con più fervore lo Spirito Santo… per essere, per così dire, un Cenacolo permanente di preghiera. E naturalmente ricordate la preghiera allo Spirito che abbiamo recitato per il Concilio Vaticano II: “Divino Spirito, rinnova i tuoi prodigi in questo nostro tempo come in una nuova Pentecoste”.

Nella primavera del 1966, due professori della Duquesne University stavano chiedendo, cercando e bussando. Si erano impegnati a pregare ogni giorno per una maggiore effusione dello Spirito Santo nella loro vita, utilizzando il bellissimo Inno della Sequenza di Pentecoste. Durante questo periodo di preghiera, alcuni amici hanno regalato loro due libri: ‘La croce e il pugnale’ e ‘Parlano con altre lingue’. Entrambi i libri descrivono l’esperienza del Battesimo nello Spirito Santo. Gli uomini di Duquesne si resero conto che questo Battesimo nello Spirito era proprio quello che stavano cercando.

Nel gennaio 1967, quattro cattolici di Duquesne parteciparono alla prima riunione di preghiera carismatica interconfessionale – la riunione di Chapel Hill – nella casa della signorina Flo Dodge, una presbiteriana piena di Spirito. È interessante notare che qualche mese prima dell’arrivo di questi cattolici, il Signore aveva portato Flo a leggere Isaia 48, dove Dio annuncia che sta per fare “una cosa nuova”.

In effetti, Dio stava per fare una cosa nuova tra i cattolici come risultato dell’incontro di preghiera. Le persone di Duquesne sono rimaste impressionate da ciò che hanno visto lì. Il 20 gennaio, due uomini sono tornati. Ricevettero il Battesimo nello Spirito Santo e iniziarono a manifestare dei doni carismatici. Tornarono a casa per pregare con gli altri due che non avevano partecipato quella sera.

In quel periodo ero membro del gruppo di studio delle Scritture Chi Rho che si riuniva nel campus di Duquesne. Due di questi professori erano i moderatori del Chi Rho e, sebbene non ci parlassero apertamente della loro esperienza carismatica, chi li conosceva bene notò che irradiavano una nuova gioia. Stavamo pianificando il nostro ritiro di febbraio e i professori suggerirono un nuovo tema: “Lo Spirito Santo”. Per prepararci al ritiro, ci dissero di pregare in attesa, di leggere “La croce e il pugnale” e di leggere i primi quattro capitoli degli Atti degli Apostoli.

Qualche giorno prima del ritiro, mi inginocchiai nella mia stanza e pregai: “Signore, credo di aver già ricevuto il tuo Spirito nel Battesimo e nella Cresima. Ma se è possibile che il tuo Spirito operi nella mia vita più di quanto abbia fatto finora, lo voglio!”. La risposta drammatica alla mia preghiera non tardò ad arrivare.

Il 17 febbraio circa 25 di noi partirono per la casa di ritiro The Ark and The Dove, alla periferia della città. Quando ci riunimmo per ogni sessione, i nostri professori ci dissero di cantare come preghiera l’antico inno Veni Creator Spiritus. Il venerdì sera c’è stata una meditazione su Maria. Poi abbiamo avuto un servizio di penitenza. Nel Vangelo di Giovanni leggiamo che quando lo Spirito Santo verrà, condannerà il peccato del mondo. È quello che è successo tra noi quando ci siamo pentiti nel sacramento della Riconciliazione.

Sabato un membro del gruppo di preghiera di Chapel Hill è venuto a parlare degli Atti degli Apostoli, capitolo 2. Tutto ciò che ci è stato detto è che era un’amica protestante dei nostri professori. Sebbene la sua presentazione fosse molto semplice, era piena di forza spirituale. Ha parlato di arrendersi a Gesù come Signore e Maestro. Descrisse lo Spirito Santo come una persona che le dava potere ogni giorno. Ecco una persona che sembrava davvero conoscere Gesù intimamente e personalmente! Conosceva il potere dello Spirito Santo come gli Apostoli. Sapevo di volere quello che aveva lei e scrissi nei miei appunti: “Gesù, sii reale per me”.

Nella discussione che ha seguito il suo discorso, David Mangan ha proposto di chiudere il nostro ritiro rinnovando la nostra Cresima… ovvero che noi, come giovani adulti, diciamo il nostro “sì” personale allo Spirito Santo. Ho unito il mio braccio al suo e ho detto: “Anche se nessun altro vuole farlo, io lo voglio”. Poi ho strappato un foglio di carta e ho scritto: “Voglio un miracolo!”, e l’ho affisso alla bacheca.

Sabato sera era prevista una festa di compleanno per alcuni dei nostri membri, ma il gruppo era svogliato. Mi sono recata nella cappella al piano superiore… non per pregare, ma per dire a tutti gli studenti presenti di scendere alla festa. Tuttavia, quando sono entrata e mi sono inginocchiata alla presenza di Gesù nel Santissimo Sacramento, ho letteralmente tremato con un senso di soggezione davanti alla Sua maestà. Sapevo in modo travolgente che Egli è il Re dei Re, il Signore dei Signori. Ho pensato: “È meglio che tu esca di qui in fretta, prima che ti succeda qualcosa”. Ma al di sopra della mia paura c’era un desiderio molto più grande di abbandonarmi incondizionatamente a Dio.

Ho pregato: “Padre, ti dono la mia vita. Qualsiasi cosa tu mi chieda, l’accetto. E se questo significa soffrire, accetto anche questo. Insegnami solo a seguire Gesù e ad amare come Lui ama”. In un attimo mi ritrovai prostrata, a faccia in giù, e inondata da un’esperienza di amore misericordioso di Dio… un amore totalmente immeritato, ma generosamente donato. Sì, è vero quello che scrive San Paolo: “L’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo”. Mi sono tolta le scarpe. Ero davvero in terra santa. Mi sentivo come se volessi morire e stare con Dio. La preghiera di Sant’Agostino raccoglie la mia esperienza: “O Signore, ci hai fatti per te e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”. Per quanto desiderassi crogiolarmi alla Sua presenza, sapevo che se io, che non sono nessuno di speciale, potevo sperimentare l’amore di Dio in questo modo, chiunque sulla faccia della terra poteva farlo.

Sono corsa a raccontare al nostro cappellano quello che era successo e lui mi ha detto che David Mangan era stato nella cappella prima di me e aveva incontrato la presenza di Dio nello stesso modo. Due ragazze mi dissero che il mio viso era luminoso e volevano sapere cosa fosse successo. Non avevo abbastanza dimestichezza con le Scritture per conoscere il passo di 2Corinzi in cui si descrive Mosè il cui volto risplendeva al ritorno dalla montagna. San Paolo scrive: “E noi tutti, a viso scoperto, riflettendo come in uno specchio la gloria del Signore, veniamo trasformati in quella medesima immagine, di gloria in gloria, secondo l’azione dello Spirito del Signore”.

 Ho condotto questi due studenti nella cappella e ho iniziato a pregare: “Signore, qualunque cosa tu abbia appena fatto per me, falla per loro!”. Quello fu probabilmente il seminario di Vita nello Spirito più breve che si ricordi!Nell’ora successiva Dio attirò sovranamente molti studenti nella cappella. Alcuni ridevano, altri piangevano. Alcuni pregavano in lingue, altri (come me) sentivano una sensazione di bruciore attraversare le mani. Uno dei professori è entrato e ha esclamato: “Cosa dirà il vescovo quando saprà che tutti questi ragazzi sono stati battezzati nello Spirito Santo!”. Sì, quella sera c’era una festa di compleanno, Dio l’aveva organizzata nella cappella del Cenacolo. Era la nascita del Rinnovamento Carismatico Cattolico!

Quando tornammo al campus, facemmo scalpore. Un amico mi disse: “Patti, se non ti conoscessi meglio, direi che sei ubriaca!”. Come gli apostoli dopo la Pentecoste, non potevamo fare a meno di parlare delle cose che avevamo visto e sentito. Ci siamo letteralmente imbattuti in doni carismatici come la profezia, il discernimento degli spiriti e la guarigione. Uno dei nostri professori ha testimoniato ai suoi amici della Notre Dame e della Michigan State University con queste parole: “Non devo più credere nella Pentecoste; l’ho vista!”. Negli ultimi 40 anni la grazia di questa nuova Pentecoste si è diffusa da una manciata di studenti del Duquesne Weekend a milioni di cattolici in tutto il mondo. Perché? Perché Dio è deciso a inviare il suo Spirito per rinnovare la faccia della terra!

Un’ultima parola: nella sua prefazione al mio libro, Come per una nuova Pentecoste, il cardinale Suenens ha scritto che “Gesù Cristo continua a nascere misticamente dallo Spirito Santo e da Maria” e che non dovremmo mai separare ciò che Dio ha unito. Se noi del Rinnovamento vogliamo annunciare Gesù al mondo, abbiamo bisogno dello Spirito Santo e di Maria, la Madre. Così come Maria era nel Cenacolo a Pentecoste, è con noi ogni volta che torniamo al Cenacolo. Se solo la accogliessimo come Madre, come fece il discepolo amato Giovanni, ci insegnerebbe: come arrenderci alla volontà del Padre, come essere fedeli a Gesù fino alla Croce, come pregare con cuore umile, puro e docile per avere più Spirito Santo, come essere una sola famiglia. Lei è la Sposa dello Spirito Santo e sa meglio di chiunque altro come cedere a Lui. E così, facendo eco al Magnificat di Maria, voglio proclamare che “Dio che è potente ha fatto grandi cose per noi, e santo è il suo nome!”. AMEN! 


Se l’articolo ti è piaciuto, considera di fare una DONAZIONE al SEGUENTE LINK. Ci aiuterai a coprire i costi del sito internet, delle attrezzature per realizzare i podcast e il lavoro necessario. Per voi è come offrirci un caffè, per noi è un grande aiuto! Grazie!


Condividi l’articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *